FP1: Daniel Ricciardo vola nelle prime libere

Daniel Ricciardo precede Verstappen ed Hamilton.

Si accende il semaforo in pit lane e subito la pista si popola: entrambe le Ferrari sono equipaggiate con la mescola hypersoft. Dopo appena cinque minuti il cronometro comincia già a regalare i primi tempi. Bottas e Sirotkin si alternano al vertice; la Mercedes del finlandese, con gomma ultrasoft, fa segnare 1:15.78, seguito da Sirotkin Hamilton e Stroll. Quindi, anche lui su mescola viola, è Hamilton a dettare il passo, in 1:14.74. Poi Bottas ritocca il crono del compagno di squadra di 4 decimi. Alonso viene richiamato ai box per un problema al sistema Brake by wire, che verrà risolto solo sul finire della sessione, permettendo allo spagnolo di chiudere solo al 17esimo posto. Il primo ad assaggiare i muretti di Monaco è Sirotkin, che rimedia una foratura sulla sua Williams. Intanto in pista è arrivata la Red Bull di Verstappen; con la gomma hypersoft l’olandese passa in testa in 1:13.29.

A trenta minuti dal via, la leadership rimane in casa Red Bull con Verstappen il più veloce in 1:12.94, seguito da Ricciardo, Vettel, Bottas, Kimi, Hartley, Sainz, Hamilton, Gasly e Ocon. Tutti i piloti della griglia montano la mescola più performante, fatta eccezione per le due Mercedes, Grosjean, Vandoorne e Magnussen, con la ultrasoft.

Dopo una breve pausa ai box si torna a girare. Verstappen lima il crono di riferimento a 1:12.72, mentre le due Mercedes sono passate a loro volta alla mescola hypersoft. Hamilton si porta così al secondo posto, a 3 decimi dalla Red Bull. Il britannico non tarda a migliorarsi e piazza un 1:12.480, che gli vale la prima posizione. Verstappen però non ci sta, e si riappropria della testa del gruppo con il tempo di 1:12.366, prima di finire lungo alla Santa Devota. L’olandese verrà messo sotto investigazione per la manovra pericolosa rientrando in pista.

A trenta minuti dalla conclusione, la Red Bull monopolizza la vetta, con Hamilton a 2 decimi, quindi Ricciardo, Vettel, Kimi, Bottas, Perez, Sainz, Sirotkin e Ocon. Ma il nuovo record della pista va infine al pilota australiano, che passa al comando in 1.12.12. Nella fase finale della sessione Mercedes e Ferrari passano alla simulazione di gara: sia Kimi che Vettel sono decisamente in palla nei primi long run. La Red Bull rinuncerà invece al lavoro sulla distanza, chiudendo però al comando con entrambe le monoposto.

PROVE LIBERE 1:
1. Daniel Ricciardo Red Bull 1:12.12
2. Max Verstappen Red Bull +0.15
3. Lewis Hamilton Mercedes +0.35
4. Sebastian Vettel Ferrari +0.91
5. Kimi Raikkonen Ferrari +0.94
6. Carlos Sainz Renault Sport +1.33
7. Valtteri Bottas Mercedes +1.37
8. Sergio Perez Force India +1.59
9. Romain Grosjean Haas +1.81
10. Sergej Sirotkin Williams +1.83

About the Author

Elisa Bencini
Elisa Bencini. Classe '89 laureanda in storia e tutela dei beni artistici a Firenze, ama il calcio e lo sport in generale e professa una fede sola: per la Fiorentina. Ha collaborato con alcuni giornali online, scrive per Sprint e Sport. E' la fondatrice e l'ideatrice del Blog dello Sportivo

Più letti

Articoli a Random

Facebook

Twitter