FP1: Daniel Ricciardo scatta davanti.

Daniel Ricciardo precede Raikkonen ed Hamilton.

22°C la temperatura dell’aria a Budapest e 27°C quella dell’asfalto, quando prendono il via le FP1, con Verstappen primo pilota a lasciare i box. Per questa sessione, Giovinazzi è al volante della Haas al posto di Magnussen, mentre Celis sostituisce Ocon alla Force India. Situazione gomme al via: la maggior parte della griglia è su medium, tranne Sauber, Force India e Alonso con le supersoft e Ricciardo unico con le soft. Ricciardo è il primo a fermare il cronometro, 1:21.46 il suo tempo, poi velocemente abbassato a 1:21.21. Dopo una breve pausa ai box e i primi giri di installazione, Bottas sale in testa con il tempo di 1:20.91, su gomma rossa. Seguono Ricciardo, Stroll, Palmer, Alonso, Ericsson, Grosjean, Massa e Raikkonen. Tutti su supersoft. Grosjean va in testacoda alla curva 9 e danneggia il posteriore, costretto così a rientrare ai box. A trenta minuti dal via Bottas è al comando in 1:19.45, seguito da Hamilton, Raikkonen, Vettel, Verstappen, Alonso, Massa, Vandoorne e Hulkenberg.

Ma ecco che sventola la bandiera rossa: la Haas di Giovinazzi perde il posteriore e finisce contro le barriere. Alla ripartenza, Verstappen sale al quarto posto, poi Ricciardo si prende la terza posizione. A metà sessione: Bottas, Hamilton, Ricciardo, Raikkonen, Verstappen, Vettel, Alonso, Massa, Vandoorne e Hulkenberg. Bottas scende a 1:19.24, poi Hamilton si mette davanti a tutti, con il crono di 1:19.09. Il pilota Mercedes si migliora velocemente, scendendo a 1:18.85. Ricciardo si allinea al resto della griglia e monta la mescola rossa. A trenta minuti dalla conclusione: Hamilton, Bottas, Ricciardo, Raikkonen, Hulkenberg, Verstapen, Vettel, Alonso, Massa e Vandoorne.

Ricciardo si infila al secondo posto, Vettel sale quarto. Poi è proprio la Red Bull a prendere le redini del gruppo, con l’australiano velocissimo, in 1:18.85. Torna in pista la Haas di Grosjean, mentre Raikkonen si prende la seconda piazza, a 2 decimi da Ricciardo. Grosjean si infila al 15esimo posto, lamentandosi però di problemi ai freni. Ricciardo mantiene la leadership, sceso nel frattempo a 1:18.48, davanti a Raikkonen, Hamilton, Bottas, Verstappen, Vettel, Alonso, Vandoorne, Hulkenberg e Palmer.

La sessione si conclude con Verstappen che si prende il quarto posto, e Palmer che perde l’ala anteriore dopo un contatto violento con un cordolo. La bandiera a scacchi consegna alla Red Bull la migliore prestazione davanti a Raikkonen e Hamilton.

PROVE LIBERE 1:
1. Daniel Ricciardo Red Bull 1:18.48
2. Kimi Raikkonen Ferrari +0.23
3. Lewis Hamilton Mercedes +0.37
4. Max Verstappen Red Bull +0.67
5. Valtteri Bottas Mercedes +0.76
6. Sebastian Vettel Ferrari +1.07
7. Fernando Alonso McLaren +1.50
8. Stoffel Vandoorne McLaren +1.51
9. Nico Hulkenberg Renault Sport +1.66
10. Jolyon Palmer Renault Sport +1.97

About the Author

Elisa Bencini
Elisa Bencini. Classe '89 laureanda in storia e tutela dei beni artistici a Firenze, ama il calcio e lo sport in generale e professa una fede sola: per la Fiorentina. Ha collaborato con alcuni giornali online, scrive per Sprint e Sport. E' la fondatrice e l'ideatrice del Blog dello Sportivo

Più letti

Articoli a Random

Facebook

Twitter