Fiorentina a valanga: 5-1 al Qarabag

Dopo una prima mezz’ora non brillante, la Fiorentina si sveglia con il Qarabag in dieci e dilaga: a fine primo tempo é già 3-0 con la doppietta di Babacar e la rete di Kalinic. Nella ripresa si scatena Zarate per il 5-0 finale.

FORMAZIONI:

FIORENTINA (3-4-2-1): Tatarusanu; Tomovic, De Maio, Salcedo; Tello, Cristoforo, Sanchez, Olivera; Bernardeschi, Kalinic; Babacar.

QARABAG (4-2-3-1): Sehic; Medvedev, Yanuszada, Sadigov, Agolli; Michel, Almeida; Ismayilov, Amirguliyev, Quintana; Reynaldo.

CRONACA:

E’ un avvio in affanno quello della Fiorentina. La compagine viola viene nettamente sorpresa da un Qarabag che domina letteralmente la prima fase di gioco. Già al 4′ è Reynaldo a chiamare all’intervento Tatarusanu, 5′ dopo è Quintana ad approfittare di un buco di De Maio e a sparare a rete senza trovare tuttavia lo specchio della porta. La squadra di Paulo Sousa non dà cenni di ripresa e nel giro di 3′ prima Amirguliyev e poi due volte lo scatenato Reynaldo creano pericoli alla retroguardia gigliata, scatenando la reazione del Franchi che inizia a fischiare sonoramente i propri beniamini al fine di provocare una reazione degna di nota. A partite dal 24′ la gara cambia improvvisamente il suo corso. Maxi Olivera è bravo a trovare Babacar in ottima posizione al centro dell’aria, la conclusione dell’attaccante finisce clamorosamente fuori. 2′ dopo la storia si ripete, altro pallone dell’uruguayano con il senegalese a sbagliare ancora. Al 29′ il Qarabag resta in dieci per l’espulsione di Yanuszada per fallo di mano ad interrompere una chiara azione da rete, da qui in poi per i ragazzi di Sousa è tutto in discesa. Al 39′ è Babacar a farsi trovare pronto e a realizzare in acrobazia sugli sviluppi di un calcio di punizione. 3′ dopo arriva il raddoppio con Kalinic che, servito da un gran colpo di tacco di Cristoforo insacca di giustezza. Al 46′, l’attaccante croato veste i panni di assistman e regala a Babacar il pallone da spingere in rete che vale il 3-0.

Nella ripresa l’andazzo della gara non cambia, il Qarabag prova a creare qualcosa ma è la Fiorentina a dominare. Al 52′ è ancora lo scatenato Babacar a sfiorare la rete, il suo colpo di testa finisce di poco al lato. Al 60′ è clamorosa l’occasione che capita a Vecino. Sehic respinge un colpo di tacco di Kalinic, sul pallone si avventa Vecino che coglie la parte bassa della traversa, il pallone rimbalza sulla linea di porta e poi è ancora il portiere del Qarabag a respingere sull’uruguayano. L’appuntamento con il poker è solo rimandato. Mauro Zarate, da poco entrato in campo, lascia partire un bolide dalla distanza sul quale Sehic si fa trovare tutt’altro che preparato. La dedica per la moglie che ultimamente ha attraversato un momento delicato è d’obbligo, l’attaccante argentino scoppia in lacrime. Calato il poker i ritmi della cara diminuiscono con la Fiorentina che si diverte e al contempo rifiata. Il Qarabag non ha più la forza di rendersi pericoloso, i gigliati al contempo gestiscono ma non rinunciano a qualche sortita. Al 77′ Zarate viene atterrato al limite, ad occuparsi della battuta della punizione è lo stesso attaccante argentino: il suo pallone a giro si va a posare sotto l’incrocio dei pali, inutile il volo di Sehic, è 5-0. Al 92′ a partita praticamente finita è Ndlovu a trovare il goal della bandiera azero con un gran tiro a giro sul quale Tatarusanu non può nulla.

About the Author

Elisa Bencini
Elisa Bencini. Classe '89 laureanda in storia e tutela dei beni artistici a Firenze, ama il calcio e lo sport in generale e professa una fede sola: per la Fiorentina. Ha collaborato con alcuni giornali online, scrive per Sprint e Sport. E' la fondatrice e l'ideatrice del Blog dello Sportivo

Più letti

Articoli a Random

Facebook

Twitter