Fiorentina e Atalanta: spettacolare 3-3 al Franchi

Sei gol e mille emozioni tra Fiorentina ed Atalanta. La squadra di Gasperini si porta sul 2-0 dopo 18 minuti grazie a un micidiale uno due Alejandro Gomez e Mario Pasalic. Rabbiosa la reazione della squadra di Pioli che rimonta con Federico Chiesa e Marco Benassi. Nella ripresa bergamaschi di nuovo avanti con Marten De Roon al 58′, ma al 79′ Luis Muriel firma il definitivo pari. In pieno recupero clamorosa traversa di Hateboer

FORMAZIONI:

Fiorentina (4-3-3): Lafont; Ceccherini, Milenkovic, Hugo, Biraghi; Benassi, Dabo, Veretout; Chiesa, Muriel, Gerson. All. Pioli.

Atalanta (3-4-2-1): Berisha; Toloi, Palomino, Mancini; Hateboer, De Roon, Pasalic, Castagne; Gomez, Ilicic; Zapata. All. Gasperini.

CRONACA:

Atalanta indiavolata nella prima parte, Fiorentina nel secondo. Entrambe devono per forza guardarsi indietro e ripensare a cosa sarebbe potuta essere la semifinale senza quei tre minuti di sbandamento. 180 secondi circa che hanno fatto male prima ai viola e dunque ai nerazzurri. E’ Ilicic a rubare la scena ad inizio gara, ,prima impegnando Lafont con una parata decisiva in seguito ad un tiro deviato, dunque entra di prepotenza nel doppio vantaggio dell’Atalanta, prima servendo Alejandro Gomez, dunque offrendo una gran palla a Mario Pasalic per il raddoppio. Ilicic é scatenato e prova anche il tiro dalla lunga distanza, che non inquadra però la porta difesa da Lafont. A riaprire la partita é però un errore, disattento sulla pressione di Federico Chiesa: pallone rubato e 2-1 per la Fiorentina. La viola torna prepotentemente dalle parti di Marco Benassi, trovando anche l’immediato pareggio, stavolta con Benassi.

Dopo la sbornia delle quattro reti, la gara si normalizza, venendo giocata soprattutto in mezzo durante la fine della prima frazione e l’inizio della seconda. A svegliare nuovamente la gara é il colpo di testa di Hugo su calcio d’angolo, ma soprattutto l’eurogoal segnato da Marten De Roon con una botta di controbalzo da fuori area. La parte finale di gara é pregna di tentativi di mandare in porta gli avanti, senza troppa convinzione. Berisha e Lafont inoperosi, centrocampo folto e con minima possibilità di superarlo in entrambi i sensi. Dal cilindro di Chiesa spunta però la solita cavalcata sulla fascia, con tanto di passaggio al centro per Luis Muriel che deve solo spingere in rete: 3-3.

About the Author

Elisa Bencini
Elisa Bencini. Classe '89 laureanda in storia e tutela dei beni artistici a Firenze, ama il calcio e lo sport in generale e professa una fede sola: per la Fiorentina. Ha collaborato con alcuni giornali online, scrive per Sprint e Sport. E' la fondatrice e l'ideatrice del Blog dello Sportivo