Fiorentina: 2-1 al Qarabag e sedicesimi di Europa League in tasca

FLORENCE, ITALY - DECEMBER 20: Nikola Kalinic of ACF Fiorentina celebrates after scoring a goal during the Serie A match between ACF Fiorentina and AC Chievo Verona at Stadio Artemio Franchi on December 20, 2015 in Florence, Italy. (Photo by Gabriele Maltinti/Getty Images)

La Fiorentina non sbaglia: a segno Matias Vecino e Federico Chiesa con in mezzo il momentaneo pareggio di Reynaldo. Federico Chiesa viene poi espulso per doppia ammonizione.

FORMAZIONI:

Qarabag (4-3-3): Sehic; Gurbanov, Guseynov, Sadiqov, Agolli; Amirguliev, Garayev, Richard; Quintana, Ndlovu, Muarem. All. Gurbanov.

Fiorentina (4-2-3-1): Tatarusanu; Tomovic, Rodriguez, Astori, Olivera; Badelj, Vecino; Chiesa, Cristoforo, Bernardeschi; Babacar. All. Sousa.

CRONACA:

Qarabag e Fiorentina cercano la qualificazione ai sedicesimi, con un occhio a PAOK Salonicco-Slovan Liberec. Rapidi capovolgimenti di fronte sin dai primi minuti, ma portieri inoperosi: paura di scoprirsi, fase di studio prolungata per azeri e viola ed occasioni mai veramente pericolose. La squadra di Paulo Sousa soffre un po’ Ndlovu, abile a staccarsi dalla posizione di prima punta. La gara del Tofiq Bəhramov adına Respublika stadionu di Baku, ricoperto di neve prima della sfida, si scalda nell’ultimo quarto d’ora della prima frazione: è la Fiorentina a salvarsi per un soffio, con Ndlovu che scarta Tomovic e Gonzalo Rodriguez per poi battere a rete: legno a Tatarusanu battuto. Passano quattro minuti e la Fiorentina risponde: Olivera entra area dalla sinistra e serve Bernardeschi all’altezza del dischetto: controllo e sinistro, palo e risultato invariato.

Non è una Fiorentina che domina e convince. E’ una Fiorentina che sfrutta l’occasione, cinica: al minuto 60 percussione centrale di Kalinic, la sfera giunge a Vecino che conclude da fuori trovando una leggera deviazione e il vantaggio della Viola. Al Qarabag serve la vittoria in virtù del successo del PAOK a Salonicco, dentro Reynaldo e Madatov per tentare la rimonta. I cambi fanno sorridere mister Gurbanov che al minuto 73: Quintana verticalizza per Reynaldo Silva, destro e pareggio. Anche con una sconfitta di misura la Fiorentina sarebbe qualificata, ma il team Paulo Sousa vuole vincere. I giovani vogliono mettersi in mostra ed uno in particolare ci riesce: al 76′ Borja Valero mette in mezzo, Kalinic calcia, deviazione e campanile sul quale si avventa Federico Chiesa che di testa riporta i viola avanti. Dopo Enrico, letale bomber anni ’90, anche il figlio trova il goal: il primo in gara ufficiale. Deve crescere il classe 1997: doppia ammonizione per fallo ingenuo su Agolli a fine gara e rosso. In ogni caso per il giovane attaccante rimarrà una gara indimenticabile.

About the Author

Elisa Bencini
Elisa Bencini. Classe '89 laureanda in storia e tutela dei beni artistici a Firenze, ama il calcio e lo sport in generale e professa una fede sola: per la Fiorentina. Ha collaborato con alcuni giornali online, scrive per Sprint e Sport. E' la fondatrice e l'ideatrice del Blog dello Sportivo

Più letti

Articoli a Random

Facebook

Twitter