Filippo Ganna vince la crono di Valdobbiadene

Terzo successo al Giro per Filippo Ganna che vince anche la crono del Prosecco dopo aver conquistato quella di Palermo alla prima tappa. Fanno 5 prove contro il tempo su 6 in stagione. Ma c’è stata anche la lotta per la classifica generale con João Almeida e Kelderman che danno pesanti distacchi a Nibali e Pozzovivo

In attesa dei calibri da 90, Brändle e Gradek sono i primi due corridori a fornire dei tempi interessanti avvicinandosi ai 45 minuti. Arriva l’ex campione europeo Victor Campenaerts che piazza un 44’46”, ma il belga viene presto disintegrato da un grandissimo Rohan Dennis che completa i 34,1 km in 43’06”. Tempone dell’australiano – ex campione del mondo – che, rispetto alla crono di Palermo, fa un’ottima performance per sfidare il compagno di squadra Ganna.

Bene Matteo Sobrero che fa lo stesso tempo del suo compagno Campenaerts, tra i primi c’è anche Cerny che piazza un 43’56”. Arriva però Filippo Ganna che spazza via tutti, anche lo stesso Dennis: avanti di 1” sul GPM di Ca’ del Poggio con un vantaggio poi a salire. 5” dopo 17,1 km, 17” di vantaggio dopo 25,1 km e 26” di vantaggio al traguardo con il tempo di 42’40”, alla velocità media di 48 km/h. Spaziale, anche questa volta.

Tocca poi a big e i vari Geoghegan Hart, Fuglsang, Konrad, Hindley e Pello Bilbao dimostrano di non essere partiti alla grande. Chi è ispirato è Brandon McNulty, con l’uomo di classifica della UAE che si tiene su tempi non proprio distanti da Ganna e Dennis ai vari rilevamenti. Lo statunitense è il primo dei terrestri, arrivando al traguardo con un ritardo di 1’09” dal vincitore. Parte un po’ a rilento Vincenzo Nibali che si trova subito dietro a João Almeida e Kelderman, ma anche dietro a Pozzovivo, Majka e Fuglsang. Il siciliano migliora leggermente dal secondo intertempo in poi, ma resta sempre dietro a João Almeida e Kelderman. Nello specifico, il suo ritardo dalla maglia rosa cresce di km in km: 35” dopo 17,1 km, 43” dopo 25,1 km e 1’23” al traguardo. Anche Kelderman fa un ottimo tempo e dà a Nibali 1’07” prima delle grandi montagne. Il risultato? João Almeida e Kelderman sembrano potersi giocare il Giro, dietro Pello Bilbao salva il 3° posto ma viene tallonato da McNulty che scala ben 7 posizioni, con Nibali chiamato a qualcosa di straordinario sulle prossime salite.

ORDINE D’ARRIVO:
1. Filippo Ganna Team Ineos 42:40
2. Rohan Dennis Team Ineos +0.26
3. Brandon McNulty UAE Team Emirates +1.09
4. Thomas De Gendt Lotto-Soudal +1.11
5. Josef Cerny CCC Team +1.16
6. Joao Almeida Deceuninck-Quick Step +1.31
7. Tanel Kangert EF Pro Cycling +1.33
8. Jonathan Castroviejo Team Ineos +1.44
9. Wilco Kelderman Team Sunweb +1.47
10. Jan Tratnik Bahrain-McLaren +2.00

CLASSIFICA GENERALE:
1. Joao Almeida Deceuninck-Quick Step 54:28.09
2. Wilco Kelderman Team Sunweb +0.56
3. Pello Bilbao Bahrain-McLaren +2.11
4. Brandon McNulty UAE Team Emirates +2.23
5. Vincenzo Nibali Trek-Segafredo +2.30
6. Rafal Majka Bora-Hansgrohe +2.33
7. Domenico Pozzovivo NTT Pro Cycling +2.33
8. Fausto Masnada Deceuninck-Quick Step +3.11
9. Patrick Konrad Bora-Hansgrohe +3.17
10. Jai Hindley Team Sunweb +3.33

About the Author

Elisa Bencini
Elisa Bencini. Classe '89 laureanda in storia e tutela dei beni artistici a Firenze, ama il calcio e lo sport in generale e professa una fede sola: per la Fiorentina. Ha collaborato con alcuni giornali online, scrive per Sprint e Sport. E' la fondatrice e l'ideatrice del Blog dello Sportivo

Più letti

Articoli a Random

Facebook

Twitter