Festa Juventus a Bologna: 1-4

Chiesa, Rabiot ed una doppietta di Morata regalano il poker alla Juventus che vale la Champions League. L’1-1 del Napoli con l’Hellas Verona permette il sorpasso della Juventus al 4° posto e l’accesso alla prossima Champions League

FORMAZIONI:

Bologna (4-2-3-1): Skorupski; Tomiyasu, Medel, Soumaoro, De Silvestri; Schouten, Svanberg; Skov Olsen, Vignato, Barrow; Palacio. All. Mihajlovic.

Juventus (4-4-2): Szczesny; Cuadrado, De Ligt, Chiellini, Alex Sandro; Kulusevski, Danilo, Rabiot, Chiesa; Dybala, Morata. All. Pirlo.

CRONACA:

Fin dal principio Madama mette le cose in chiaro e, giustappunto, la sblocca con il solito Chiesa: bravo di tap-in a ottimizzare la traversa colpita da Rabiot. Numeri da urlo per l’ex Fiorentina, alle prese con il 15esimo centro stagionale. E’ dominio bianconero che, infatti, sfocia nel raddoppio di serata: Dybala a dipingere calcio, Morata a metterci la testa. Finita qua? Neanche per scherzo. Altro giro, altra grande signora. Che, sostanzialmente, nelle battute conclusive del lato A del match chiude l’incontro a tripla mandata con Rabiot.

Nella ripresa, in serata decisamente sì, Morata trova la doppietta di giornata. E, dopodiché, per la Juve diventa pura accademia. Gestione del possesso e, soprattutto, telefonini accesi in attesa di buone nuove da Napoli e Bergamo. Del subentrato Orsolini il goal della bandiera per il Bologna.

About the Author

Elisa Bencini
Elisa Bencini. Classe '89 laureanda in storia e tutela dei beni artistici a Firenze, ama il calcio e lo sport in generale e professa una fede sola: per la Fiorentina. Ha collaborato con alcuni giornali online, scrive per Sprint e Sport. E' la fondatrice e l'ideatrice del Blog dello Sportivo

Più letti

Articoli a Random

Facebook

Twitter