Festa Benevento Il portiere Brignoli regala il 2-2 sul Milan al 95′!

Il primo punto della storia del Benevento è qualcosa di incredibile: Milan avanti 2-1 fino al 95′, ma sull’ultima punizione Alberto Brignoli sale e mette dentro un gran gol di testa. Delirio al Vigorito per un 2-2 tanto storico quanto clamoroso: è il primo punto di sempre in Serie A… E arriva grazie al gol del portiere!

FORMAZIONI:

Benevento (4-3-3): Brignoli; Letizia, Djimsiti, Costa, Di Chiara; Memushaj, Chisbah, Cataldi; D’Alessandro, Parigini, Puscas. All. De Zerbi.

Milan (3-4-3): Donnarumma; Musacchio, Bonucci, Romagnoli; Borini, Kessie, Montolivo, Rodriguez; Suso, Kalinic, Bonaventura. All. Gattuso.

CRONACA

Parte bene la squadra rossonera, che prova a fare la partita nei primi minuti di gioco e si rende subito pericolosa sul clamoroso errore di Letizia, che con un brutto retropassaggio serve un comodo assist a Kalinic, ma il croato spreca calciando addosso a Brignoli. Con il passare dei minuti i padroni di casa prendono fiducia e creano diversi pericoli dalle parti di Donnarumma. Poco dopo la mezz’ora gran cross di D’Alessandro per l’inserimento di Parigini, che tutto solo davanti al portiere avversario spedisce incredibilmente sul fondo. Il Diavolo ci prova con il solito Suso e con qualche discesa di Kessiè, che si rende poi protagonista nell’azione del vantaggio. Al 38′ l’ivoriano resiste di forza in area ed accende una mischia con un bel pallone sul secondo palo: Kalinic non riesce a trovare il guizzo giusto, ci pensa allora Bonaventura a sfruttare un fortunato rimpallo per lo 0-1 prima dell’intervallo.

Ad inizio ripresa il Benevento continua ad alzare il proprio baricentro ed arriva il meritato pareggio: sugli sviluppi di un corner Donnarumma è chiamato al grande intervento sul bolide di Letizia, ma non può nulla sulla seconda conclusione ravvicinata di Puscas, attaccante cresciuto nelle giovanili dell’Inter. Gli uomini di De Zerbi prendono fiducia spinti dal pubblico di casa, ma gli equilibri durano solamente sette minuti. Bonaventura gestisce alla grande un pallone sulla destra ed il cross sul secondo palo è perfetto per Kalinic, che ritrova la rete dopo il lungo digiuno. Gattuso gioca la carta Abate al posto di Borini, mentre De Zerbi manda in campo il classe ’99 Brignola. Il Milan prova a rallentare i ritmi ma si abbassa troppo e D’Alessandro scalda ancora i guantoni di Donnarumma con un insidioso destro basso. Al 75′ le cose per i rossoneri si complicano: Romagnoli scivola e stende l’avversario lanciato in contropiede, secondo giallo e Diavolo in dieci. Il Benevento ci prova con le discese di Letizia e con la botta potente di Coda, che sfiora la traversa. Nei minuti finali Gattuso si copre inserendo Zapata al posto di Suso: il Milan resiste all’assalto avversario con la difesa a cinque in un finale fin troppo nervoso. Al 95′ arriva il pazzesco colpo di scena: Brignoli sale a saltare per l’ultimo assalto sugli sviluppi di un calcio di punizione e sfodera un bellissimo tuffo di testa, la palla si insacca nell’angolino basso ed esplode il Vigorito pochi secondi prima del fischio finale.

About the Author

Elisa Bencini
Elisa Bencini. Classe '89 laureanda in storia e tutela dei beni artistici a Firenze, ama il calcio e lo sport in generale e professa una fede sola: per la Fiorentina. Ha collaborato con alcuni giornali online, scrive per Sprint e Sport. E' la fondatrice e l'ideatrice del Blog dello Sportivo

Più letti

Articoli a Random

Facebook

Twitter