Esibizione della Roma: 5-1 al Bologna

Una Roma champagne travolge il Bologna di Mihajlovic: al Dall’Ara succede di tutto nel primo tempo e finisce 1-5. Gara aperta dall’autorete di Poli e portata avanti dagli acuti di Dzeko, Pellegrini, Veretout e Mkhitaryan. Inutile, per i felsinei, l’autorete di Cristante per il momentaneo 1-3. La formazione di Fonseca, squalificato e sostituito da Campos, si porta a quota 21

FORMAZIONI:

Bologna (4-2-3-1): Ravaglia; De Silvestri, Tomiyasu, Danilo, Mbaye; Poli, Svanberg; Vignato, Soriano, Barrow; Palacio. All. Mihajlovic.

Roma (3-4-2-1): Lopez; Ibanez, Cristante, Kumbulla; Karsdorp, Villar, Veretout, Spinazzola; Pellegrini, Mkhitaryan; Dzeko. All. Fonseca.

CRONACA:

Il Bologna, dal canto suo, seppur tornato al più consono 4-2-3-1, soffre l’impeto dei giallorossi e, nei primi quindici minuti di gioco, subisce un goal ogni cinque, senza riuscire a reagire. A sbloccare il risultato è un’autorete di Poli che, nel disperato tentativo di anticipare Dzeko a due passi dalla porta, spedisce il pallone alle spalle dell’esordiente Ravaglia che sostituisce l’infortunato Skorupski. Non è proprio un esordio fortunato per il portiere rossoblù che, al decimo, subisce il goal di Dzeko, abile ad aggirare Danilo e a segnare con un preciso rasoterra. Passano altri cinque minuti ed è Pellegrini a trovare il goal sfruttando l’assist dell’incontenibile Spinazzola. La Roma gioca sul velluto, Dzeko si divora due goal fatti e, proprio subito dopo una clamorosa occasione fallita dal bosniaco, Cristante realizza un’autogol incomprensibile sorprendendo Pau Lopez con una deviazione goffa e assolutamente immotivata. Ma l’andamento della gara non cambia nemmeno dopo il goal del Bologna: Veretout sfrutta uno splendido assist di Mkhitaryan e batte per la quarta volta Ravaglia. Prima dell’intervallo, anche Mkhitaryan trova la gioia del goal spingendo in rete un perfetto cross di Karsdorp.

Nella ripresa la musica non cambia: la Roma domina la gara, seppur non spingendo più a tutto spiano sull’acceleratore. Dominguez trova il suo primo goal italiano, ma viene annullato per fuorigioco di Palacio, poco dopo anche Pellegrini va in goal con uno splendido pallonetto ma pure nel suo caso tutto è vanificato dal fuorigioco. Nel finale c’è spazio per Mattia Pagliuca, figlio dello storico portiere della Nazionale Gianluca, per il ritorno in campo in Serie A di Smalling e per il palo colpito da Borja Mayoral, bravissimo a superare Ravaglia ma poi fermato proprio dal montante. Nel finale Dominguez viene espulso, ma poi richiamato in campo dopo un check del VAR che gli vale solo il cartellino giallo. Giornata no, dunque per il Bologna, che proverà a riscattarsi mercoledì sul campo dello Spezia. La Roma, invece, tornerà in campo all’Olimpico giovedì contro il Torino.

About the Author

Elisa Bencini
Elisa Bencini. Classe '89 laureanda in storia e tutela dei beni artistici a Firenze, ama il calcio e lo sport in generale e professa una fede sola: per la Fiorentina. Ha collaborato con alcuni giornali online, scrive per Sprint e Sport. E' la fondatrice e l'ideatrice del Blog dello Sportivo

Più letti

Articoli a Random

Facebook

Twitter