Colpo Cagliari, tonfo Inter! Alla Sardegna Arena finisce 2-1 per i rossoblu

Nell’anticipo del turno, l’Inter viene battuta dall’ autorete di Perisic e dalla rete di Leonardo Pavoletti. Inutile il momentaneo pareggio di Lautaro Martinez. Nel finale Barella calcia alto il rigore del possibile tris. Milan e Roma sognano ora sorpasso e aggancio in classifica

FORMAZIONI:

cagliari (4-3-1-2): Cragno; Srna, Ceppitelli, Pisacane, Pellegrini; Faragò, Cigarini, Ionita; Barella; Joao Pedro, Pavoletti. All. Maran.

Inter (4-2-3-1): Handanovic; D’Ambrosio, De Vrij, Skriniar, Asamoah; Vecino, Brozovic; Politano, Nainggolan, Perisic; Martinez. All. Spalletti.

CRONACA:
La prima occasione è al 10′ per il Cagliari: Barella allarga sulla destra per Srna che mette in mezzo trovando Ionita, il quale anticipa tutti ma manda a lato.

L’Inter reagisce immediatamente e, un minuto dopo, impensierisce Cragno. Su un traversone dalla destra Perisic tenta la conclusione al volo ma il tiro è centrale.

Al 13° minuto è il momento del bellissimo e commuovente omaggio a Davide Astori, applaudito da tutto lo stadio, ricordato a quasi un anno di distanza dalla sua morte.

La partita riprende e sono subito i rossoblu a rendersi nuovamente pericolosi. Dopo una bella combinazione tra Joao Pedro e Pavoletti, quest’ultimo calcia dall’interno dell’area di rigore, Handanovic non è perfetto sulla respinta ma interviene Skriniar.

Al 29′ arriva il meritato vantaggio per i sardi. Su una punizione di Cigarini, Ceppitelli impatta di testa e batte un incolpevole Handanovic grazie anche a un tocco involontario di Perisic.

Il Cagliari cerca di sfruttare il momento favorevole e al 32′ ha una doppia palla gol clamorosa per il raddoppio. Luca Pellegrini crossa molto bene dalla sinistra e Joao Pedro colpisce in area di testa: Handanovic vola e devia la conclusione diretta sul secondo palo. Sul tap in arriva Faragò che da buona posizione manda alto.

Al 38′ però arriva, in maniera un po’ inaspettata, il pari dell’Inter. Cross di Nainggolan che sfonda sulla destra e dal fondo mette in mezzo un bel pallone, sul quale Lautaro Martinez si avventa rapidamente e trafigge Cragno con un preciso colpo di testa.

La partita è bella e con ritmi alti, e al 40′ è ancora Faragò ad avere una buona chance. Cross dalla sinistra deviato che finisce sul secondo palo proprio per il centrocampista, che calcia al volo ma in maniera imprecisa.

Due minuti dopo arriva il nuovo vantaggio del Cagliari. Altra grande azione dei rossoblu che porta Srna al cross dalla destra: ottimo anticipo di Pavoletti che gira col destro al volo e trova un gol bellissimo, il quarto nelle ultime quattro partite alla Sardegna Arena.

Anche nella ripresa le squadre giocano a viso aperto, senza paura, e ne beneficia lo spettacolo. La prima occasione del secondo tempo è per l’Inter. Inserimento centrale di Politano che riceve da un rimpallo e si presenta solo contro Cragno: sinistro in precarie condizioni di equilibrio parato in maniera molto reattiva dal portiere del Cagliari. L’azione prosegue con Perisic che crossa dalla sinistra forte e teso: Cragno è ancora attento e para dopo un velo di Lautaro Martinez.

Il Cagliari risponde subito, e al 59′ Faragò va al tiro da fuori che Handanovic para in due tempi. Nonostante la reazione però la squadra di Maran soffre e abbassa il baricentro, e l’Inter prova ad approfittarne.

Al 79′ è ancora Lautaro ad andare vicino al gol. Cross dalla tre quarti di destra e stacco dell’argentino in area: palla larga di pochissimo nonostante Cragno sembrasse in controllo della traiettoria.

Al minuto 83 arriva un’altra occasione per l’Inter, stavolta con Borja Valero. Lo spagnolo in area riceve da sinistra, sterza fintando il tiro ma poi spara alto da ottima posizione.

Due minuti più tardi Candreva mette in mezzo dalla destra per Nainggolan che lavora il pallone e lo gira al centro per Lautaro. Destro del 10 nerazzurro spalle alla porta e molto defilato, che trova però il palo su decisivo tocco di Cragno.

La squadra di Spalletti preme, ma al 90′ subisce un contropiede del Cagliari che, dopo un evidente contatto in area tra Skriniar e Despodov, porta al calcio di rigore per i rossoblu. Dal dischetto si presenta Barella, che però spara alto calciando malissimo e spreca la possibilità di chiudere l’incontro.

L’Inter allora tenta l’assalto finale, e al 96′ ha un’ultima clamorosa chance con Candreva, che di testa però trova solo l’esterno della rete, prima del triplice fischio finale.

Vittoria pesantissima dunque per la squadra di Maran, che si porta a +9 sul Bologna terzultimo, in attesa dello scontro diretto della prossima settimana in Emilia. Ennesima frenata del 2019 per l’Inter invece, che così a -9 dal Napoli secondo, ma soprattutto solo a +2 sul Milan, che potrebbe compiere il sorpasso contro il Sassuolo.

About the Author

Alessio Achenza
Nato a Nuoro il 10-04-1999, mi sono diplomato nel 2018 presso il Liceo Classico. Attualmente sono uno studente di scienze della comunicazione a Bologna. La passione per lo sport, e specialmente per il calcio, è innata fin da quando ero bambino, e cresce sempre di più, con un'unica grande costante: il tifo per la Roma. Passato da giocatore, dai primi calci alla prima categoria, e presente da allenatore. Sogno di lavorare nel mondo dello sport, per questo sono ben felice di collaborare con questo blog.

Più letti

Articoli a Random

Facebook

Twitter