Il Cile supera 2-0 il Camerun

Prima, la VAR invalida il gol dell’1-0 a Vargas, poi convalida il 2-0 precedentemente annullato dall’arbitro. All’81’, il vantaggio di testa di Arturo Vidal.

FORMAZIONI:

Camerun (4-3-3): Ondoa; Mabouka, Ngadeu-Ngadjui, Teikeu, Fai; Siani, Zambo Anguissa, Djoum; Bassogog, Aboubakar, Moukandjo. All. Broos.

Cile (5-3-2): Herrera; Isla, Beausejour, Medel, Jara, Fuenzalida; Aranguiz, Diaz, Vidal; Puch, Vargas. All. Pizzi.

CRONACA:

Parte fortissimo la Roja, che già nei primi tre minuti va due volte vicina al gol ma il destro di Vargas si infrange sul palo e Ondoa è provvidenziale sul tentativo di Fuenzalida. Camerun in sofferenza ma micidiale nelle ripartenze, come quando, al 12′, Herrera nega l’1-0 ad Aboubakar. La formazione africana cresce col passare dei minuti ma resta a galla solo grazie alle parate di Ondoa, di nuovo decisivo su Puch e poi ancora su Fuenzalida. Vargas al 41′ spara alto da ottima posizione ma si riscatta nel recupero, battendo Ondoa sull’imbucata centrale di Vidal. Come in Portogallo-Messico, pero’, entra in azione la Var e la rete viene annullata per fuorigioco.

Nella ripresa Pizzi gioca la carta Sanchez. Col Cile più sbilanciato si aprono maggiori spazi per il Camerun ma dopo l’incredibile la chance sprecata al 27′ da Isla, che sotto porta indirizza male il suo colpo di testa, a nove minuti dalla fine i sudamericani passano: Sanchez mette in mezzo dalla sinistra e stacco vincente di Vidal che sorprende la difesa africana. Nel finale il 2-0 di Vargas, con la Var che si fa ‘perdonare’.

About the Author

Elisa Bencini
Elisa Bencini. Classe '89 laureanda in storia e tutela dei beni artistici a Firenze, ama il calcio e lo sport in generale e professa una fede sola: per la Fiorentina. Ha collaborato con alcuni giornali online, scrive per Sprint e Sport. E' la fondatrice e l'ideatrice del Blog dello Sportivo