Box Box Box – Le pagelline del Gp d’Australia

Siamo tornati tutti in pista. Dal primo pilota all’ultimo tifoso. Siamo sopravvissuti all’eterna pausa invernale e domenica ci siamo svegliati a un orario improponibile di nostra spontanea volontà e senza nessuna minaccia di morte. Se non è amore questo, non so cosa sia. Io intanto torno a fare quello che facevo prima: guardo, mi viene l’ansia, spacco cose, giudico, scrivo pagelline.

Sebastian Vettel & strategia Ferrari: 10
Tanto lavoro ancora da fare e tanto lavoro fatto. È presto per tirare le somme di questa nuova monoposto ma non c’era modo migliore per iniziare un mondiale.
L’Inno di Mameli che riempie le case degli italiani in una domenica speciale che si è, sorprendentemente, colorata di rosso.
Ottima strategia, ottimo lavoro di squadra, ottimo Seb. È stato attento e misurato per tutto il Gran Premio, dimostrandosi pronto a lottare e giocandosi tutto quando c’era da farlo. A parte l’orribile taglio di capelli lo vedo molto più tranquillo e misurato rispetto all’anno scorso, forse Arrivabene quest’inverno lo ha mandato a un corso su come gestire le emozioni.

Family portrait. #ScuderiaFerrari #AusGP #Seb5 #Kimi7 #SF71H #F1 #Ferrari #PrancingHorse

Un post condiviso da Scuderia Ferrari (@scuderiaferrari) in data:

Fernando Alonso: 9
Il Samurai ha iniziato la sua più pazza stagione. Formula 1 e campionato WEC a 36 primavere compiute. È il Roger Federer della Formula 1, non c’è dubbio, solo che gioca con una racchetta rotta 2/3 delle sue partite. Ma non demorde, mai. E questo quinto posto sembra dirci che qualcosa in casa McLaren sta cambiando. Speriamo bene.

Lewis Hamilton: 8
Un venerdì perfetto, un sabato perfetto, una partenza perfetta. Lewis c’è, come al solito.
La sua forza è avere ancora fame, avere sempre voglia di mostrarsi migliore, anzi, il migliore.
Questa settimana però gli uomini in rosso gli hanno insegnato che, qualche volta, peccare di presunzione può portare un po’ di sfiga. Sabato in conferenza stampa aveva detto “volevo togliere il sorriso a Vettel”, ridendo certo, ma alla fine il sorriso al campione lo ha tolto proprio il buon Sebastian. Lo penalizzo di qualche punto per questo e per non aver saputo superare nel finale (se davvero non c’erano problemi). Alla prossima Lewis!

Un post condiviso da FORMULA 1® (@f1) in data:

Haas: 6
Fino a metà gara gli avrei dato un bel 10. Per l’impegno, per la monoposto che sembra andare come una scheggia, per la partenza fantastica di Magnussen.
Dopo l’errore catastrofico (e doppiamente grave perché ripetuto) durante i pit stop invece si sarebbero meritati uno 0. Facendo la media gli concedo la sufficienza, mi prenderete per pazza, perché è grazie al loro ritiro che questo Gran Premio ha preso un po’ di vita. Speriamo possano recuperare i punti persi e far vedere le potenzialità di questo gioiellino.

Max Verstappen & Valtteri Bottas: 5
Mai avrei pensato di accomunare questi due personaggi, tanto diversi, in un solo voto. Ma questo 5 è quello che si merita chi, come loro, non ha saputo sfruttare quello che aveva.
Verstappen partiva terzo ma, come spesso gli succede, ha voluto strafare e ha finito per rovinarsi con le sue stesse mani, arrivando dietro al compagno di squadra che nonostante la penalizzazione ha chiuso quarto.
Bottas partiva quindicesimo, è vero, ma credo che per fare una gara più insipida di quella che ha fatto avrebbe dovuto impegnarsi davvero e, non dimentichiamocelo, ha la stessa macchina di quel carrarmato di Hamilton.

Sauber-Alfa Romeo: 3
Mettiamo subito in chiaro che ho un debole per Leclerc. Lo voglio su una macchina forte e vederlo lì dietro mi fa incazzare parecchio. Ma tolto questo è davvero insostenibile che la Sauber sia così poco competitiva anche quest’anno, nonostante l’appoggio dell’Alfa Romeo. Dai su, se si è migliorata la McLaren potete farcela anche voi.

Liberty Media (che cambia gli orari di inizio gara): 2
Ok togliere le ombrelline, ok mettere in pista i bambini. Ok cambiare la grafica, il logo, la musica. Ok le star, ok l’halo. Ma adesso qualcuno mi può spiegare il senso di cambiare gli orari di gara di 10 minuti?
Mi servono per fare il caffè prima della partenza? Per scommettere su quanto ci metterà Verstappen a incidentarsi con una Ferrari? Per guardare altre 10 instragram stories di Hamilton? Vi prego spiegatemelo.
Ah, e pure la regia non era un granché.

I pessimisti e i malinconici: 0
Quest’anno avete iniziato a sfracassare i maroni prima ancora che iniziasse il mondiale. Sì però la Ferrari non è abbastanza veloce, le Formula 1 senza il rombo di una volta fanno schifo, comunque Hamilton ha più talento, negli anni ’70 c’era più competizione, dovevamo prendere Verstappen perché è il nuovo Senna…
Ma facciamo che vi fate una Formula 1 vostra che almeno non ci intasate i timpani e le pagine sui social network con queste considerazioni inutili?
Le somme di una stagione si tirano a fine anno, come sempre, o almeno se proprio volete aspettiamo di averli visti scendere in pista sti poveri cristi. Se volete andare a litigare a tutti i costi andate a guardarvi la Serie A, che qualcuno con cui discutere di quanto fosse bello il mondiale dell’82 lo trovate sicuramente.

Più letti

Articoli a Random

Facebook

Twitter