Tra Atalanta e Milan termina 1-1

In una gara nervosissima, il Milan va avanti con la rete di Frank Kessié e viene raggiunto nel finale dal gol di Andrea Masiello. La matematica dice che il Milan sarà sicuramente in Europa Leaguela prossima stagione.

FORMAZIONI:

Atalanta (3-4-1-2): Berisha; Toloi, Caldara, Masiello; Castagne, De Roon, Freuler, Gosens; Cristante; Gomez, Barrow. All. Gasperini.

Milan (4-3-3): Donnarumma; Abate, Bonucci, Romagnoli, Rodriguez; Kessie, Biglia, Bonaventura; Suso, Kalinic, Calhanoglu. All. Gattuso.

CRONACA:

Tutta la partita è caratterizzata da una fitta pioggia che rende complicato il grip per i giocatori in campo. Il match è vivace, l’Atalanta fa la partita ma anche il Milan è ben messo in campo. La squadra di Gattuso fa però tanta fatica a rendersi pericolosa dalle parti di Berisha; con Calhanoglu, Kalinic e Suso ingabbiati dalla difesa bergamasca. Sono invece dei padroni di casa le migliori occasioni del primo tempo, con una incredibile serie di tiri di Freuler e Cristante da dentro l’area di rigore, murati da Rodriguez e Biglia in scivolata.

Nella ripresa l’Atalanta riprende da dove aveva lasciato, ovvero macinando gioco e occasioni. Al 53′ Donnarumma è bravo ad opporsi in tuffo ad un colpo di testa di Cristante, sulla ribattuta arriva Caldara che da posizione ravvicinata tira incredibilmente a lato. Ma nel calcio si sa, se sprechi così tanto prima o poi vieni punito. E puntuale arriva il goal a sorpresa del Milan, con l’ex di turno Kessié, che sportivamente non esulta. Per gli uomini di Gasperini piove sul bagnato: al 65′ viene espulso Toloi per aver applaudito ironicamente il direttore di gara. Al 69′ Cristante si divora l’ennesima palla-goal della sua partita, spedendo sul fondo un tiro dall’altezza del rigore. Ad un quarto d’ora dalla fine si ristabilisce la parità a livello numerico, con il duro intervento di Montolivo che viene sanzionato con l’espulsione diretta dall’arbitro Guida. L’Atalanta nel finale si riversa nella metà campo rossonera ed il forcing raccoglie i suoi frutti solo in pieno recupero, quando una zuccata di Masiello sigilla il risultato finale sul pareggio per uno a uno.

About the Author

Elisa Bencini
Elisa Bencini. Classe '89 laureanda in storia e tutela dei beni artistici a Firenze, ama il calcio e lo sport in generale e professa una fede sola: per la Fiorentina. Ha collaborato con alcuni giornali online, scrive per Sprint e Sport. E' la fondatrice e l'ideatrice del Blog dello Sportivo

Più letti

Articoli a Random

Facebook

Twitter