Alberto Contador padrone dell’Angliru

Sull’ultima salita della Vuelta è Froome ad essere il migliore dei big, arrivando 3° al traguardo e staccando tutti gli avversari diretti per la roja. A vincere la tappa è Contador che nell’ultima frazione di montagna della sua carriera, riesce a centrare un magnifico successo. Nibali conserva la 2a piazza nella generale, Zakarin è 3°.

Sin dai primi metri, è lotta continua per entrare nella fuga di giornata. La Trek Segafredo cerca di bloccare ogni tentativo, ma dopo 32 km si forma un drappello di 18 uomini al comando, con grandissimi nomi: tra gli altri, ci sono Alaphilippe, Enric Mas, Rui Costa, Polanc, Soler, Oliveira, i gemelli Yates, Marczynski, Denifl, Bardet, Roche e Igor Antón, tutti a giocarsi un prestigioso successo di tappa sull’Angliru. Sulla prima salita di giornata è Marczynski a scollinare per primo, mentre dietro comincia il proprio lavoro la Bahrain Merida di Vincenzo Nibali che prova a far fuori la corazzata Sky. Nell’immediata discesa, occhio al duo Miguel Ángel López-Fabio Aru che perde subito le ruote dei migliori, anche Zakarin cade nella trappola ma riesce poi a rientrare nel plotone.

Sul secondo GPM di giornata, scollina per primo Marc Soler, chiudendo matematicamente la classifica scalatori in favore di Davide Villella. Il bergamasco della Cannondale Drapac si era addirittura staccato sulla prima salita di giornata, ma per lui sono sufficienti i 67 punti conquistati fino alla giornata di ieri. Nel gruppo maglia roja, sempre i Bahrain Merida e i Trek Segafredo a fare l’andatura, ma in discesa succede di tutto. Il primo a cadere è Marc Soler che aveva preso un certo margine scollinando per primo, poi finiscono a terra anche Vincenzo Nibali e David de la Cruz. Bravo Contador, invece, a mettersi in testa durante il tratto in discesa, con Jarlison Pantano: è proprio questa la mossa vincente, con lo spagnolo che parte all’attacco prima ancora di cominciare l’Angliru, sfruttando un gruppo più timoroso nel finale di discesa.

Pantano fa a tutta i primi km della salita per lanciare un Contador, che dà tutto se stesso per l’ultimo successo della propria carriera. Dopo il lavoro del colombiano, è una rimonta continua per il Pistolero che sale da solo verso un clamoroso successo di tappa. Uno dopo l’altro, Contador rimonta su tutti gli uomini della fuga, alla fine solo Marc Soler riesce a tenere il suo passo nonostante la caduta in discesa. Ai -5,3 km dal traguardo, anche il corridore della Movistar però abdica, lasciando Contador solo. Dietro, Zakarin e Kelderman abbozzano un attacco per rientrare su Contador, ma né il russo né l’olandese riescono a rimontare. Poi c’è il duello Froome-Nibali: il britannico non sembra brillantissimo, ma ha al suo fianco ancora quattro compagni di squadra a metà salita. Una menata di Pellizotti è sufficiente per far fuori David López, Nieve e Moscon, ma Poels resta agganciato, come angelo custode di Froome. Ai -2 km dal traguardo, invece, gli scenari si capovolgono: è Nibali a soffrire il passo sull’Angliru e si stacca da Froome, lasciando semaforo verde al britannico per la vittoria della Vuelta. La coppia Froome-Poels cerca di rimontare, addirittura, su Contador ma lo spagnolo riesce a vincere con un margine di 17”. Poi Zakarin che sale sul podio, e Nibali accompagnato da Pellizotti. Lo sconfitto di giornata è invece Kelderman, che giunge al traguardo a 1’11”, scivolando addirittura in 5a posizione.

ORDINE D’ARRIVO:
1. Alberto Contador Trek-Segafredo 3:31.33
2. Wout Poels Team Sky +0.17
3. Chris Froome Team Sky +0.17
4. Ilnur Zakarin Team Katusha-Alpecin +0.35
5. Franco Pellizotti Bahrain Merida Pro CT +0.51
6. Vincenzo Nibali Bahrain Merida Pro CT +0.51
7. Steven Kruijswijk Team LottoNL-Jumbo +0.51
8. Wilco Kelderman Team Sunweb +1.11
9. Romain Bardet AG2R La Mondiale +1.25
10. Michael Woods Cannondale-Drapac Pro CT +1.36

CLASSIFICA GENERALE:
1. Chris Froome Team Sky 79:23.37
2. Vincenzo Nibali Bahrain Merida Pro CT +2.15
3. Ilnur Zakarin Team Katusha-Alpecin +2.51
4. Alberto Contador Trek-Segafredo +3.11
5. Wilco Kelderman Team Sunweb +3.15
6. Wout Poels Team Sky +6.45
7. Michael Woods Cannondale-Drapac Pro CT +8.16
8. Miguel Angel Lopez Astana Pro Team +8.59
9. Steven Kruijswijk Team LottoNL-Jumbo +11.04
10. Tejay Van Garderen BMC Racing Team +15.36

About the Author

Elisa Bencini
Elisa Bencini. Classe '89 laureanda in storia e tutela dei beni artistici a Firenze, ama il calcio e lo sport in generale e professa una fede sola: per la Fiorentina. Ha collaborato con alcuni giornali online, scrive per Sprint e Sport. E' la fondatrice e l'ideatrice del Blog dello Sportivo

Più letti

Articoli a Random

Facebook

Twitter