Ad Ourense vince Tim Wellens

Ad Ourense arriva la fuga con grandi protagonisti, a vincere è Wellens che centra la doppietta personale vincendo il testa a testa con Woods. Il gruppo arriva staccato con Carapaz che, questa volta, non si fa scappare Roglic come accaduto a Suances

Ritmo folle nella prima ora di corsa, con tutte le squadre che provano a piazzare almeno un uomo nella fuga di giornata. Anche Education First e Ineos Grenadiers provano a far lo stesso, per mettere in difficoltà la Jumbo Visma di Primoz Roglic. Ecco, infatti, che anche lo sloveno manda in avanscoperta il suo compagno Hofstede, che viene però riassorbito dal gruppo. Alla fine viene via una fuga di 7 uomini: all’attacco vanno Stybar, Arensman, van Baarle, Woods, Wellens, Périchon, e Marc Soler. I 7 accumulano ben presto 5 minuti di vantaggio sul gruppo, con la Jumbo che, a questo punto, lasciare fare mentre è l’Astana di Aranburu a fare il ritmo.

La Bora Hansgrohe di Ackermann rinforza l’andatura insieme all’Astana, poi si aggiunge anche la Total Direct Énergie di Terpstra, ma la fuga mantiene ancora più di 4 minuti di vantaggio dopo i primi due GPM di giornata. All’inizio dell’Alto de Abelaira, però, il gruppo ricuce un po’ il distacco, con un’andatura molto sostenuta prodotta dalla Total Direct Énergie, andatura che mette in difficoltà uno dei favoriti di giornata, Ackermann. Ai -25,4 km, con il gruppo che rinviene, la fuga si rompe con lo scatto di Michael Woods che prova ad andarsene da solo sull’ultima salita. Il corridore dell’Education First viene ripreso dai compagni di fuga, ma è l’azione che sveglia la testa della corsa per aumentare il ritmo e arrivare fino al traguardo.

La tappa non si decide in salita, ma nel tratto in discesa provano ad allungare Stybar, Wellens e Marc Soler che lasciano indietro i loro compagni di fuga. Woods, Arensman e van Baarle rientrano però all’altezza dell’ultimo km, ma Wellens ne ha di più e vince il testa a testa con Woods, trovando la propria doppietta personale in questa Vuelta. Il gruppo arriva a 3’44” con Carapaz che marca a uomo Roglic per non farsi sorprendere come capitò qualche giorno fa a Suances. Discorso classifica generale, quindi, che non cambia quando mancano quattro tappe alla conclusione di questa Vuelta.

ORDINE D’ARRIVO:
1. Tim Wellens Lotto-Soudal 4:37.05
2. Michael Woods Ef Pro Cycling +0.00
3. Zdenek Stybar Deceuninck-Quick Step +0.00
4. Dylan Van Baarle Team Ineos +0.00
5. Marc Soler Movistar Team +0.11
6. Thymen Arensman Team Sunweb +0.13
7. Pierre-Luc Perichon Cofidis +3.11
8. Daniel Martin Israel Start-Up Nation +3.44
9. Gonzalo Serrano Caja Rural-Seguros RGA +3.44
10. Primoz Roglic Team Jumbo-Visma +3.44

CLASSIFICA PRINCIPALE:
1. Primoz Roglic Team Jumbo-Visma 53:57.05
2. Richard Carapaz Team Ineos +0.39
3. Hugh Carthy Ef Pro Cycling +0.47
4. Daniel Martin Israel Start-Up Nation +1.42
5. Enric Mas Movistar Team +3.23
6. Wout Poels Bahrain-McLaren +6.15
7. Felix Großschartner Bora-Hansgrohe +7.14
8. Alejandro Valverde Movistar Team +8.39
9. Aleksandr Vlasov Astana Pro Team +8.48
10. Davi de la Cruz UAE Team Emirates +9.23

About the Author

Elisa Bencini
Elisa Bencini. Classe '89 laureanda in storia e tutela dei beni artistici a Firenze, ama il calcio e lo sport in generale e professa una fede sola: per la Fiorentina. Ha collaborato con alcuni giornali online, scrive per Sprint e Sport. E' la fondatrice e l'ideatrice del Blog dello Sportivo

Più letti

Articoli a Random

Facebook

Twitter