Tanti auguri Bobby Goal

C’é un dato nella biografia di Roberto Bettega che balza subito agli occhi, ed é la sua juventinità: un uomo a trecentosessanta grandi juventino. Bobby gol o Cabeza bianca, i suoi soprannomi che quando hanno accompagnato la sua carriera e quando i suoi capelli hanno iniziato ad imbiancarsi, é un bianconero per tradizione famigliare e poi per educazione sportiva dal giorno in cui, all’ inizio degli anni ’60, il papà di Roberto, un operaio Fiat lo accompagnò ad un provino per i pulcini della Juve. Ovviamente venne preso e da lì inizio la sua vita a strisce, interrotta solo  da un anno di prestito a Varese in Serie B nel 1969, e nel 1983 dopo l’addio alla Juventus si trasferì in Canada al Toronto Blizzard. Dopo il periodo da calciatore divenne dirigente della società bianconera fino a diventare direttore generale. Juventino in tutto e per tutto: nello stile e nei modi di fare. Bettega é sempre stata una figura una po’ nascosta dentro se stesso, non si può certo dire simpatica. Uno che ha sempre tenuto il mondo abbastanza distante da se, é sempre stato un punto di riferimento per i compagni ma non certo il giocatore più amato anche dalla stessa squadra.

Del Bettega giocatore ricordiamo l’eleganza e la potenza, la classe e la modernità. Le immagini indelebili nella mente di ogni tifoso azzurro e juventino sono il goal di tacco a San Siro contro il Milan o il meraviglioso triangolo con Rossi contro l’Argentina nel 1978. Primo in tante cose, ma anche nella sfortuna che lo fece ammalare di pleurite e gli fece saltare il Mondiale 1982 per uno scontro dove si infortunò un ginocchio nel novembre 1981. Un mondiale che si meritava di vincere anche lui. E’ stato l’attaccante più prolifico dei Nazionale di Gigi Riva. La sua in bianconero la ricordano tutti: la finale di coppa campioni persa con l’Amburgo ad Atene nel 1983.

Oggi sono 65 anni per il grande Bobby gol!!!: cifra tonda, per chi di goal , trofei ed emozioni, ne ha regalati innumerevoli.

About the Author

Elisa Bencini
Elisa Bencini. Classe '89 laureanda in storia e tutela dei beni artistici a Firenze, ama il calcio e lo sport in generale e professa una fede sola: per la Fiorentina. Ha collaborato con alcuni giornali online, scrive per Sprint e Sport. E' la fondatrice e l'ideatrice del Blog dello Sportivo