Doppio Dybala per la Juventus: Udinese superata 2-0

Juventus

Juventus, con il pragmatismo e la consueta solidità batte l’Udinese. Basta un gol per tempo. Nella prima frazione una punizione magistrale di Paulo Dybala apre la strada, prima dell’errore del dischetto di Higuain. Nella ripresa Higuain con un assist al bacio per Paulo Dybala che, da pochi passi, sentenzia Bizzarri. Juventus momentaneamente in vetta, in attesa del Napoli.

FORMAZIONI:

Juventus: (4-3-3): Szczesny; De Sciglio, Rugani, Chiellini, Asamoah; Khedira, Marchisio, Sturaro; Costa, Higuain, Dybala. All. Allegri.

Udinese (3-5-2): Bizzarri; Nuytinck, Angella, Samir; Widmer, Fofana, Behrami, Barak, Adnan; Lopez, Jankto. All. Oddo.

CRONACA:

Atmosfera particolare quest’oggi si ricomincia a giocare dopo la sospensione per la tragica morte del capitano della Fiorentina Davide Astori, friulani che hanno ancora il peso per la perdita di questo giocatore per l’appunto accaduta a poche ore dallo scontro tra Udinese e Fiorentina.

Allegri opta per un forte turnover conferma solo 5 giocatori rispetto alla vittoriosa trasferta di Wembley, e a sorpresa schiera Higuain al posto di Mario Mandzukic.

Oddo cambia tutto rispetto alle ultime sfortunate uscite, torna Angella al centro della difesa e schiera un corposo centrocampo a 5 con il ritorno del capitano Behrami, e inserisce in attacco Maxi Lopez.

Partono subito forte i friulani con Jankto che in accelerazione brucia Chiellini costringendolo al fallo con conseguente ammonizione dopo appena un minuto di gioco sulla susseguente punizione è Ali Adnan a rendersi pericolosissimo calciando da posizione defilata direttamente in porta, ci vuole una grande risposta di Szscesny che devia in corner.

Bianconeri dopo lo spavento iniziale,  aumentano di intensità e aggressività la manovra offensiva, attaccando la retroguardia dell’Udinese con quasi tutti gli effettivi e tra il 10′ e il 15′ nascono due occasioni con sempre protagonista Sturaro, prima servito da Asamoah, ma non riesce ad impattare il pallone di testa all’interno dell’area piccola, e poi imbeccato da De Sciglio dopo una grande sgroppata sulla destra, ma tutto solo l’ex Genoa con la porta spalancata manca l’aggancio in scivolata.

E’ solo il preludio al gol, al 19′ di gioco Higuain viene messo giù da Angella a ridosso dell’area di rigore, si incarica a battere la punizione la Joya Dybala, solita parabola a giro che non lascia scampo a Bizzarri e palla nel sette, risultato sbloccato e terzo gol consecutivo, momento straordinario per il numero 10 juventino.

Friulani che provano a reagire al colpo subito, con un buon gioco sulle fasce, ma i molti cross delle ali non creano pericoli e sono facile preda della difesa bianconera, è la Vecchia Signora a rendersi sempre pericolosa, con un bella incursione di Asamoah dalla sinistra, serve Sturaro che a sua volta lancia Dybala ma Angella lo atterra in area e viene fischiata la massima punizione, sul  dischetto a sorpresa ci va il Pipita Higuain che calcia forte è angolato, ma Bizzarri è super intuisce la traiettoria e devia in calcio d’angolo.

L’ultima emozione del primo tempo la offre Chiellini sugli sviluppi di un corner, stacca molto bene di testa, ma il pallone si spegne alto di poco sopra la traversa.

I campioni d’Italia padroni del campo anche ad inizio ripresa,  dopo tre minuti, splendida combinazione sull’asse argentino Higuain-Dybala e proprio come a Wembley, il pipita mette il corpo si gira e mette sul vassoio d’argento un pallone che la Joya, da dentro l’area piccola, di precisione insacca all’angolino , raddoppio e partita che sembra essere in ghiaccio.

Oddo prova a dare una scossa a i suoi inserendo Perica, Autore del gol del momentaneo vantaggio all’andata al posto dell’inoperoso Maxi Lopez, ma l’inerzia non cambia gioco molto confuso, con la juve forte del doppio vantaggio, che amministra il gioco e riparte con delle fiammate una di queste arriva al 24′ minuto, con protagonista Douglas Costa, che in accelerazione lancia Higuain in area e serve Matuidi , appena subentrato a Khedira, che non ci arriva con davanti la porta sguarnita, pochi minuti dopo altro guizzo del brasiliano che libera questa volta Dybala alla conclusione ma Bizzarri è bravissimo e devia in calcio d’angolo.

Trentaquattresimo minuto sono i friulani ad affacciarsi in zona di attacco, con una bella azione personale dell’appena entrato Balic, salta Marchisio e fa partire un destro insidioso ma il pallone va fuori di poco.

Prima della fine del match c’è ancora tempo per vedere altre due azioni pericolose sempre di marca  juventina, prima con una conclusione di Dybala servito da Mandukic, ma spreca calciando fuori a tu per tu con Bizzarri, e poi con Sturaro che pecca di presunzione in contropiede invece di servire lo stesso argentino, prova la conclusione personale che si spegne alto sopra la traversa.

Più letti

Articoli a Random

Pubblicità

GIF 300x250

Facebook

Twitter