Centro Tecnico Coverciano

centro-coverciano

Al Centro Tecnico Coverciano vediamo  la storia del calcio nazionale

Il Centro Tecnico  Coverciano rappresenta per i giocatori ed i tecnici del gioco del calcio la conquista di un traguardo che certifica il successo di un particolare momento o il coronamento di una carriera .

centro

Foto di Gianpaolo Dosselli

In questo vero e proprio tempio del calcio italiano si allenano le squadre giovanili nazionali dalla Under 15 all’Under 21 ed ovviamente la nazionale maggiore che sul campo numero 1 del Centro Tecnico di Coverciano svolge abitualmente gli allenamenti in preparazione di amichevoli o di partite ufficiali che precedono la partecipazione a campionati europei o mondiali .
Anche i giocatori delle nazionali militare e di Calcio a 5 e le nostre atlete della nazionale femminile preparano le proprie sfide internazionali su questi splendidi campi in erba naturale che sono perfetti tanto quanto i green dei campi di golf .
Allenarsi a Coverciano vuol dire quindi entrare nel favoloso mondo delle nazionali e vestire la maglia azzurra un sogno per chi fa il calciatore professionista o per tutti quei giovani che vengono selezionati nelle nazionali giovanili e che sperano di arrivare alla nazionale A.
Il Centro Tecnico e’la casa degli allenatori italiani il centro della formazione dei tecnici che preparano in aule attrezzate le lezioni di tecnica e tattica calcistica di metodologia dell’allenamento di psicologia dello sport di medicina di regolamento del gioco del calcio e delle carte federali che contengono le norme di questo sport.
Qui si tengono i corsi che danno la qualifica di allenatore professionista Uefa A che abilita ad allenare le squadre di Lega Pro ed i corsi per conseguire la qualifica Uefa Pro un tempo denominati Master che abilita ad allenare anche in Serie B e Serie A .

centro di coverciano

Foto di Gianpaolo Dosselli

Corsi di aggiornamento seminari per approfondire i temi dell’attività giovanile studi e ricerche sulla preparazione atletica e sulla attivita’medica applicata al calcio sono altre prerogative del Centro Tecnico.
Nato nel 1959 grazie al contributo del marchese Luigi Rifolfi e e di Dante Berretti presidente della Quarta Serie il Centro di Coverciano ebbe da subito una connotazione calcistica ma volle aprire ad altre discipline con la realizzazione di una piscina di una pista di atletica e di una palestra che oggi viene utilizzata anche per le grandi assemblee di categoria.
Per iniziare la visita di Coverciano partirei dai 4 splendidi campi in erba naturale per poi entrare nel Museo del Calcio dove il direttore Fino Fini per anni medico della nazionale racconta su cortese richiesta da splendido Cicerone la storia della nazionale italiana partendo dalla vittoria dei Campionati del mondo del 1934 a Roma .
Maglie di lana ormai tarlate scarpe di duro cuoio palloni con le cuciture in evidenza cimeli trofei coppe che ricordano i successi dei nostri azzurri sono esposti nelle bacheche del museo che profuma della storia del calcio italiano.
La sosta per un pranzo nel ristorante del centro può farti incontrare i campioni del passato come Lippi Zenga Antognoni Gigi Riva ma anche quelli del presente impegnati in qualche corso di aggiornamento.
Qui incontri il cuoco della nazionale diventato famoso grazie allo spot pubblicitario ma professionista molto bravo disponibile ed apprezzato per i suoi piatti della cucina toscana.

centro di coverciano

Foto di Gianpaolo Dosselli

Nei corridoi nelle sale riunioni nelle aule studio nell’Aula Magna le fotografie delle squadre che hanno vinto le coppe ed i campionati trasmettono emozioni e gioia .
Le camere dell’albergo sono confortevoli e soprattutto permettono di passare notti tranquille in quanto il centro e’ un grande parco immerso nel verde dei campi di calcio.
La mattina quando apri la finestra lo spettacolo è tutto da godere .
Per chi ha dentro questa grande passione Coverciano e’un sogno da vivere a occhi aperti .

  • Molto interessante, peccato non si possano ingrandire le foto!

  • Ivan Pascal Sella

    Grandissimo GianPaolo.